La secchezza oculare in estate

In estate ci esponiamo molto frequentemente ad ambienti con scarso grado di umidità e tendiamo a disidratarci facilmente a causa delle temperature elevate, così come i soggetti che passano molte ore al pc che soffrono maggiormente la disidratazione del film lacrimale.

Come si manifestano i disturbi visivi?

Inizialmente si ha una sensazione di “sabbia negli occhi”, creando prurito, con un possibile arrossamento della superficie oculare cioè della congiuntiva che è la mucosa che la ricopre e protegge, se trascurati i sintomi possono arrivare a una sintomatologia dolorosa spesso accompagnata da transitorio calo visivo. La disidratazione è causata dalle alte temperature e se non supportata da una buona idratazione, si ha una minor produzione di film lacrimale prendendo il nome di “sindrome dell’occhio secco”.

Come prevenire la disidratazione oculare?

É importante bere almeno 8 bicchieri d’acqua al giorno (1,5-2 litri), aumentare l’apporto di acqua nel caso di esercizio fisico o esposizione prolungata ai raggi solari. La giusta idratazione, oltre ad aiutare in generale il buon funzionamento della “macchina uomo”, aiuta molto anche la “macchina Vista” e le ghiandole lacrimali a produrre la giusta quantità di lacrime.

É fondamentale poi consultare il proprio specialista nel caso compaiano i primi sintomi di secchezza oculare per evitare un fastidioso e prolungato peggioramento della patologia.

Leave Your Reply

Your email address will not be published.